mercoledì 22 novembre 2017

El Leon


Noi veneziani amiamo il nostro leone, amiamo la nostra città e con dispiacere la vediamo sempre più impoverita di abitanti e invasa da turisti che ne hanno poca cura. Purtroppo è una città al servizio del Dio Denaro.
Ma ci sono alcuni giorni dell'anno che diventa la città dei venexiani, e ieri era uno di questi.
Ieri si è festeggiata la Madonna della Salute e come ogni anno io e mio marito siamo arrivati fino all'omonima chiesa per una visita e una preghiera. Per noi è anche occasione per visitare qualche museo e camminare per le calli.


Ca Venier dei Leoni è un palazzo incompiuto che si affaccia sul Canal Grande, meglio conosciuto come il Guggenheim, un museo di opere di arte moderna regalata alla città dall'americana Peggy Guggenheim che abitò in questo palazzo per molti anni. L'opera di Marino Marini posta di fronte al Canal Grande è la più fotografata e conosciuta (sarà per il bel simbolo fallico che l'adorna?)

Devo dire che il palazzo mi è piaciuto molto, meno effetto mi hanno fatto le opere esposte anche se di grandi e famosi artisti. Ma la testiera del letto in argento l'ho trovata fenomenale.


Dal patio sul Canal Grande si vedeva il ponte votivo, il ponte che viene appositamente installato in questa occasione e che collega San Marco alla Basilica della Salute.


L'abbiamo percorso dopo la visita in chiesa per recarci a San Marco. Per fortuna data l'ora (le 13) siamo potuti entrare in basilica senza fare la fila e abbiamo goduto della tranquillità che c'era per riempirci gli occhi e la mente della straordinaria bellezza dei suoi mosaici e la ricchezza della Pala d'Oro.


Con il sole Piazza San Marco è una cartolina.


Due tramezzini e un'ombra per pranzo e poi via a vedere il Fondaco dei Tedeschi.

Il Fondaco era un edificio casa magazzino di origine medievale che nelle città di mare svolgeva funzioni di magazzino e spesso anche di alloggio per mercanti stranieri.
Il Fondaco dei Tedeschi è stato per anni sede principale delle Poste, venduto al gruppo Benetton nè è stato fatto un centro commerciale di grandi firme. Per fortuna è accessibile a tutti e si può goderne appieno la bellezza e salire sulla terrazza per uno sguardo a 360 gradi sulla città. Le foto parlano da sole

L'interno del Fondeco

.
Il Ponte di Rialto e il Canal Grande

Ma la giornata non era ancora finita e quindi un salto in Fondamenta Nuova, una foto all'isola di San Michele che iniziava a riflettere il tramonto.


Una visita alla Chiesa dei Gesuiti con i suoi marmi azzurri e un pulpito straordinario.


 Chi direbbe che il drappo è di marmo?

E poi verso casa non senza immortalare un pezzo di Venezia spettacolare. L'arco del Paradiso.


Costruito in occasione del matrimonio dei due rampolli delle case poste una di fronte all'altra per sancire l'unione dei due casati.
L'effige è della Madonna della Misericordia che con il suo grande manto ci protegge.

Giornata intensa e gustata minuto per minuto.
Per finire dopo cena ho messo gli ultimi punti ad un ricamo per beneficenza.


Ricamo appropriato visto che stamani c'erano zero gradi!

2 commenti:

  1. Splendida carrellata di foto di una meravigliosa città! Cara Cris mi auguro "solo" di poter ancora approfittare indegnamente della tua guida per Venezia, con l'amore che hai per la tua città, fai apprezzare ancora di più tutto ciò che la rende unica e preziosa.
    Delizioso il tuo pupazzo di neve.
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
  2. Mi e' sembrato quasi di aver fatto il "giro" con voi, raccontata molto bene, grazie :-)
    Carmen

    RispondiElimina