mercoledì 29 agosto 2012

In questa calda estate...

...tra una gita e l'altra, l'ago è corso tra le trame della stoffa, e un paio di lavori hanno preso forma.
Ora andranno nella scatola dei ricami,in attesa di venir confezionati.




"La Parisienne" di Tralala



"Benvenuti" di Rovaris

mercoledì 22 agosto 2012

Vienna è sempre Vienna

E finalmente dopo aver rimandato per ben due volte il week-end a Vienna per cause di forza maggiore, io e Mauro siamo riusciti ad andare per le vacanze di Ferragosto.



Non era la prima volta che andavamo a Vienna, ci siamo già stati in altre due occasioni per una settimana ogni volta, ma sempre d'inverno. Ora non so se perchè è estate o perchè conoscendola ci siamo mossi meglio, ma l'abbiamo apprezzata molto e abbiamo sfruttato ogni momento.

L'albergo era in una bella zona residenziale signorile vicino al Danubio, servita da due linee della metropolitana.


Appena arrivati siamo subito partiti sulle tracce di un architetto scoperto per caso proprio a Vienna quando siamo andati la prima volta venticinque anni fa: Friedensreich Hundertwasser.

Morto nel 2000, a Vienna gli hanno dedicato un museo con i suoi quadri e i plastici delle opere architettoniche compiute. Questa volta abbiamo visto l'inceneritore di Vienna che lui ha modificato.




Museo e particolare di una colonna



Tre foto dell'inceneritore, secondo me lavorare in posti così rende più allegra la giornata invece dei soliti palazzi grigi e anonimi a cui siamo abituati







Nei giorni seguenti abbiamo visitato un paio di Musei; siamo tornati al Museo di Storia dell'arte, dove abbiamo potuto ammirare i capolavori di molti italiani che hanno lavorato soprattutto a Venezia: Tiziano, Tintoretto, Veronese ecc, tutte tele che gli austriaci si sono presi a ricordo di quando occuparono Venezia e il Museo di Design dove abbiamo trovato un'intera sala con vetri di Murano e pizzi a tombolo di Burano.




Non ci siamo fatti mancare le passeggiate per la città, la bella veduta della chiesa barocca di S. Karl, il famoso mercato di Vienna dove abbiamo comperato spezie e ci siamo seduti a bere una birra fresca nel caldo pomeriggio







Ma la cosa più emozionante è stato il giro nella mitica ruota del Prater al tramonto; costruita verso la fine dell'800 è il simbolo di Vienna, dall' alto si domina la città. Pensate che è possibile anche pranzare o cenare in questi vagoncini.





Ma ora voglio fare un gioco. Vicino all'albergo c'era questa bella scala. Subito mi è venuto in mente che una simile è in una città d'Italia. Vediamo chi da la risposta giusta riceverà un piccolo cadeau .


martedì 21 agosto 2012

BFC Tortorelle

E con questo regalo si conclude il BFC a cui ho partecipato.
Io adoro i gatti, Stefania ne ha uno e allora ho pensato di restare in tema con questo strofinaccio


Ma Stefy oltre ad amare gli animali e ad avere due gemelline graziosissime di tre anni, è in dolce attesa. A giorni dovrebbe nascere Nina e così le ho mandato insieme al suo regalo di compleanno una copertina per la carrozzina. Nonna ci ha messo uno dei suoi fiocchi di nascita
Questo è il Precious Moment che ho ricamato

domenica 12 agosto 2012

Regalo ad una amica

Con l'aiuto di Nonna ho ricamato e confezionato questa borsa portaricamo per un'amica di xxx, Claudia di Roma. Ho potuto anche consegnargliela di persona perchè pochi giorni prima del compleanno è venuta a trovarmi ed abbiamo passato una piacevole serata insieme.


Lo schema è di Rovaris, una designer che ultimamente mi prende molto.

Venaria Reale

Devo ringraziare Susy, un'amica di xxx, che mi ha invitato a trascorrere qualche giorno a casa sua e insieme abbiamo visitato i giardini di questo splendido palazzo dei Savoia.Venaria Reale era il castello di caccia a soli 10 km da Torino; edificato dopo la metà del seicento, abbandonato per un secolo, solo nel 1999 si è provveduto a restaurarlo. I giardini si estendono su 80 ettari di terreno suddivi in tre diversi livelli: giardini alti , asse principale e giardini bassi. Nei giardini alti si trova il fantacasino, una costruzione all'interno della quale è possibile cimentarsi in vecchi giochi di legno e dilettarsi con strumenti musicali. Nei giardini bassi orti e frutteti sono a disposizione per attività didattiche.


La torre dell'orologio all'ingresso in Piazza della Repubblica


Il retro del Palazzo visto dali giardini



L'asse pincipale con le Alpi nel fondo




Il Fantacasino


Le fondamenta del tempio di Diana




Io e Susy che ringrazio per le splendide foto.

lunedì 6 agosto 2012

Nuovi arrivi

Per amiche di xxx in attesa delle loro bimbe, sono state ricamate queste copertine. Nonna Ardelia ne ha curato l'assemblaggio. La prima è stata spedita a Barbara mamma di Sofia, la seconda ho potuto consegnarla personalmente a Claudia mamma di Marina.






Un grazie particolare va a tutte le amiche che hanno ricamato insieme a me:

Daniela, Veronica, Loriana, Luisa, Cristina, Emanuela, Elisabetta, Roberta, Elisa Andrea, Barbara (per la copertina di Claudia), Claudia (per la copertina di Barbara)

mercoledì 1 agosto 2012

Fuga dalla calura estiva

Da metà giugno il caldo e l'afa non ci danno tregua. Di piovere non se ne parla nemmeno. E allora che si fa in una domenica pomeriggio dopo aver fatto la notte al lavoro?
Propongo a Mauro di andare alle grotte di Oliero; io ci sono stata da bambina con i miei genitori, Mauro mai. Partiamo presto e alle due e mezza siamo già all'ingresso.





Solo a guardare l'acqua viene voglia di immergersi. La visita alle grotte viene fatta con una barca, dura all'incirca 20 minuti, ma si entra in un ambiente fatato e soprattutto di 12°, non sarei più uscita.


Ma dovendo uscire e avendo ancora tempo a disposizione siamo saliti sull'Altopiano, destinazione Rubbio dove in alcune cave abbandonate, con vista sulla pianura, un artista Toni Zarpellon, ha creato un ambiente magico dove i colori e la fantasia rallegrano e abelliscono un posto che altrimenti sarebbe passato inosservato. Se ne volete sapere di più qui il sito.